Cardiofrequenzimetri multisport, i modelli con funzioni di orologio

Il cardiofrequenzimetro trova posto ovunque, in mare come in montagna, anche in piscina dove si può tenere al polso pure in vasca, resistendo a immersione di svariate decine di metri. Fra questi si segnalano i modelli di cardiofrequenzimetri multisport Fitbit, ideali per sub, anche se presentano lo svantaggio di non avere il Gps integrato, una lacuna che francamente sorprende anche perché quasi tutti i modelli, anche basici, lo supportano. Ciononostante, questo tipo di cardiofrequenzimetro supporta ogni tipo di esercizio e allenamento, sia in palestra che a casa o all’aperto. Ma se cercate un partner preciso e infallibile nel trasmettere dati corporei di massima affidabilità lo troverete nei modelli Garmin e, più nello specifico, nella famiglia dei Forerunner che abbina la natura arcaica dell’orologio a quella futurista del cardiofrequenzimetro, due anime nello stesso modello, che si avvale di entrambi i ruoli che si completano vicendevolmente.

Il dispositivo, indossabile al polso come un comune segnatempo, è provvisto di rilevatore della frequenza cardiaca in tempo reale, in grado di fornire parametri esatti sull’attività cardiaca. Oltre al battito cardiaco questo cardiofrequenzimetro rileva anche altri valori, fra cui lo ‘stress core’, un calcolo della media della frequenza cardiaca che è il risultato della somma di sette rilevazioni conseguenti ma misurate in momenti diversi. I Forerunner della famiglia Garmin supportano oltre a sensori esclusivi di calcolo dei parametri anche l’antenna Gps dando la possibilità di pianificare gli allenamenti, le pause, le riprese, gli intervalli e le attività accessorie.

I Forerunner, inoltre, presentano fra i materiali di fabbricazione una simbiosi vincente fra gomma e acciaio, che rende questi cardiofrequenzimetri indenni all’acqua e all’umidità. Non si creano problemi se si suda durante l’allenamento o nel corso di una salita di montagna, né se piove a dirotto o ci si immerge in un fazzoletto d’acqua, che sia la vasca di una piscina o un’insenatura fra gli scogli. In più, al pari di altri moderni cardiofrequenzimetri da sub, monitorano ogni dato relativo al numero di bracciate, distanza dalla riva e consumo di calorie. Ogni cardiofrequenzimetro è impostabile, i migliori si avvalgono di avvisi sonori per allertare l’utente del raggiungimento di un traguardo o del tratto di mare o vasca percorsi durante la nuotata.